Autore: HumanTraction

Archive Posts Listed On This Page

Acqua e pensieri

Questo Giugno ci sta portando tanta pioggia e tanto caldo. Tutto in regola monsonica. Fino a 15 giorni fa i campi erano una distesa dorata di spighe di grano pronte per la raccolta. Ora si stanno tingendo del verde acceso grazie al riso appena seminato. I colori dei lavori della terra cambiano con le stagioni e sono orchestrati, come sempre, dal lavoro delle donne, vero motore del Nepal. Chi ha viaggiato in Asia, e in generale nei Paesi in via di sviluppo, ha visto la potenza del femminile (shakti come si chiama qui) in completa azione. Le donne oltre a nutrire ed allevare parenti (tanti) e  figli (tantissimi),portano  pesi, fanno il cemento a mano, lavorano i campi con una forza fisica che noi occidentali non possiamo neanche immaginare. In questo pianeta maschio e malato, onore e rispetto alle donne, a tutte le donne del mondo, custodi della forza della vita e dell’amore. Ghandi diceva che il progresso di una nazione si vede da come  tratta animali, donne e bambini. Siamo tutti Terzo Mondo.
Nel nostro piccolo oggi abbiamo fatto un grande passo! Abbiamo comprato la nuova cisterna da mille litri e una nuova pompa per avere FINALMENTE tutta l’acqua che ci serve. Gia’ perche’ fino ad oggi la povera Nonna Papera doveva fare la spola alla fontana con i secchi o aspettare che la vecchia pompa caricasse la vecchia cisterna bucherellata che si traduceva in non avere acqua quasi mai, con ovvie conseguenze sullo scarico dei bagni, l’igiene generale dei bambini e non ultimo l’umore di Nonna Papera. Mentre vi scrivo la casa si riempie di ometti che reclamano la dose quotidiana di cartoni animati, biscotti e mango che in questa stagione sono più dolci e buoni del Solero Algida. 

Read Details

La Nepalite

In primis GRAZIE ai fratelli, alle sorelle (ed al Papone) che da Marzo hanno lavorato duro qui in Nepal  e tutti gli amici che ci supportano dall’ Italia nella costruzione della casa per i nostri ragazzi. 
scimmiette
Quasi tre mesi di lavoro, sudore, risate, gite e momenti di gioia passati in armonia tra di noi e con i bambini. Le parole sono sempre piccole e sbiadite, le emozioni e le sensazioni qui sono invece sempre forti, come una febbre, una malattia, che ha anche un nome. Si chiama Nepalite. I sintomi piú. evidenti sono l’alternanza mentalmente debilitante di odio ed amore nei confronti del Paese e del suo popolo adulto ed un affetto smisurato per il popolo dei Piccoli.
Sono davvero persone speciali, belle facce, cuori aperti e menti brillanti, sono dei moltiplicatori d’amore, gli dai uno e ti ridanno cento.
Diamanti cresciuti in mezzo al riso.
Imbattersi in loro è una fortuna ma anche una condanna, perchè una volta che li conosci un pezzo del tuo cuore se lo tengono loro qua sull’ Himalaya! La Nepalite è contagiosa, fatevi contagiare!!
Ecco il video dei lavori https://www.youtube.com/watch?v=BHpp2DIz1J4 Siamo quasi alla fine ma abbiamo ancora tante spese essenziali da affrontare, OGNI PICCOLO AIUTO E’ UN GRANDE AIUTO!!!
Gita ragazze a Kathmandu
Read Details

APRILE, DOLCE COSTRUIRE

Ciao amici,
come corre il tempo! Il calendario mi dice che siamo a fine Aprile. Mi sembra letteralmente di essere tornati ieri quando con la casa eravamo a questo punto:











Dopo due mesi di dedizione e sudore…




















…siamo arrivati a questo punto!


















Siamo felicissimi, i bambini non stanno più nella pelle e non vedono l’ora di trasferirsi a casa nuova. Ogni giorno chiedono quanto tempo manca al fatidico giorno. Per arrivarci

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO
per poter acquistare 
il sistema ibrido di pannelli solari
finestre
porte
coperte 
materassi
linoleum per pavimenti


Human Traction e’ la dimostrazione che un sogno, se sognato da molti, diventa realtà e che l’unione e’ davvero la forza più grande che abbiamo.

OGNI PICCOLA DONAZIONEDI UN AMICO CHE CI LEGGE
CI AIUTERA’ 
A TRASFORMARE180mq DI SOGNO
IN REALTA’!

RIicorda che puoi donarci il 5xmille e che le donazioni sono deducibili dalle tasse.

COORDINATE BANCARIE IBAN IT95G0503445220000000022297 
presso Banca Popolare di Novara, filiale di Borgomanero.

GRAZIE!
Read Details

Extreme Makeover: Hostel Edition

ERRATA CORRIGE: questo post era stato pubblicato con strafalcioni dei quali mi vergogno profondamente.
A misera discolpa vi informo che il nuovo PC, provvidenziale dono di un caro amico di HT, non capisce l’italiano e non ha i nostri accenti quindi scrivo sempre con gli apostrofi. Grazie 🙂


Ogni volta che mi metto a scrivere scorrono pensieri, foto, momenti, risate e sensazioni che sulla carta appaiono sbiadite e rimpicciolite. Penso a voi amici che ci leggete, vorrei potervi teletrasportare qui, presentarvi i piccoli grandi protagonisti di questa meravigliosa avventura e farvi vivere un po’ i ritmi e le dinamiche della vita da villaggio nepalese. Ti svegli col sole ed il suono delle campanelline delle varie “puja” induiste mattutine, passeggi in un mare verde di grano e campi per andare a far colazione con i bambini a scuola da nonna papera che ti spadella mezzo chilo di riso alle nove della mattina e con la pancia piena vai giu’ di martellate, chiodi, legno grezzo che diventa tavole, che diventano un tetto  in un armonia di lavoro, divertimento e tempo speso bene che ti dimentichi che e’ domenica, di Pasqua. Me lo ha ricordato Ankit. “Happy Easter Mia”. Sei cattolica? Mhh, diciamo di no. Credi in Dio? Mhh, diciamo di si. Con un sorriso ed uno sguardo vispo che avreste dovuto vederlo spara il domandone: se Dio ha creato tutto, chi ha creato Dio? Così ti ritrovi a parlare di teologia e vita con un bambino di 9 anni che ti affascina e coinvolge come fosse grande. Non so se e’ una questione di latitudine o di generazione ma questi bambini e ragazzi sono davvero speciali. Ogni giorno mi sorprendono con le loro attenzioni ed i loro ragionamenti arguti, sempre allegri ed attenti a tutto quello che succede intorno. Ed ora succede che un gruppo di amici venuti da lontano sta costruendo una nuova casa per loro. Vedendo il tetto che prendeva forma e’ scoppiata la baraonda del dove mettiamo i letti, chi dorme dove e con chi. L’entusiasmo e’ nell’aria e sorregge Giona, Oscar e Tia mentre lavorano in bilico sulle travi. 



Ieri un momento Fantozzi li ha colti di sorpresa mentre fissavano i pannelli. Una tempesta di vento annacquata si e’ quasi portata via lamiera e ragazzi che stoicamente hanno lavorato fino al tramonto.
Norme di sicurezza ISO zeromila! A tratti mi viene un po’ paura ma come direbbero i Blues Brothers, “siamo in missione per conto del Signore” e va tutto bene. Un abbraccio forte da tutti noi a tutti voi.


Read Details

Una bella storia

Namaste’ amici,
i lavori della casa procedono spediti, abbiamo quasi ultimato il tetto! Questo post pero’ e’ per raccontarvi un’altra storia, una di quelle belle. Chi ci conosce da piu’ tempo sa che Human Traction nasce grazie a due fratelli e alla loro mamma. Vedi http://humantraction.blogspot.com/p/radici.html

Per chi non sa ecco un brevissimo riassunto: Nel 2006 Shakti,  una povara mamma di campagna abbandonata dal marito e senza risorse prende l’amara decisione di affidare i suoi tre figli Bidur, Hari e Pranjali  alle caritatevoli cure di un’ istituto a Kathmandu. Succede che l’istituto camuffato da orfanotrofio, di caritatevole ha ben poco e tra falsi documenti ed un rodato sistema mafioso, Pranjali nel 2007 viene adottata in Spagna. Entrambe le madri sono vittime di bugie, non conoscono la verita’ ne’ l’esistenza l’una dell’altra.

Nel 2009 il destino mi porta in Nepal, proprio in quell’ “orfanotrofio” dove conosco  Bidur e Hari che trovano il coraggio di raccontarmi tutto. Il resto e’ storia, la storia di Human Traction e della riunificazione di una famiglia. Bidur e Hari ora vivono al villaggio e la casa che stiamo costruendo e’ anche per loro e vedono la mamma regolarmente. Pranjali e’ in Spagna. L’ho conosciuta l’anno scorso. Si ho preso un aereo e sono andata  a cercare lei e  la madre adottiva. Ho trovato una donna meravigliosa che superato lo schock iniziale, non vede l’ora di conoscere l’altra meta’ della famiglia di sua figlia. L’altro giorno Bidur mi ha detto che la mamma e’ appena arrivata nella valle di Kathmandu e mi chiede se puo’ venire da noi al villaggio e fermarsi a casa nostra qualche giorno. La mattina seguente prestissimo Shakti arriva con un sorriso radioso. La prima cosa che mi chiede e’ Pranjali. Immaginate la  gioia nel dirle: “Adesso te la facco vedere”. Viva l’era moderna, viva Skype!!Drin drin e sullo schermo compare la faccia di una quasi adolescente che e’ la fotocopia di Shakti. Poche parole tradotte, ti voglio bene, sei bellissima, ti penso sempre e tanti sorrisi. 
Gli sguardi e le emozioni di due madri e tre fratelli che piano piano si stanno ritrovando sono difficili  da raccontare a parole. Io non ne ho, mi godo il privilegio di viverlo sulla pelle passo dopo passo. Domani e’ l’ Holi, la festa dei colori, Shakti lo festeggera’ con noi e con i suoi figli.
Life is good, Om Shanti Om!
Read Details

SENTIRSI A CASA

Eccoci qua! Siamo finalmente tornati in Nepal!
Kathmandu ci ha accolti con un bel cielo blu, temperatura ottimale e 2 giorni di bandha. Bandha e’ quando qualche partito politico (di solito i maoisti) indice uno sciopero forzato nazionale che si traduce con la paralisi fisica del Paese. I lati negativi di questa pratica sono innumerevoli, compensati in parte dal fatto che Kathmandu  respira.
Il blocco totale del traffico permette di camminare senza soffocare tra i gas di scarico o impazzire per il continuo pim-pim dei clacson. Le strade della citta’ si riempono di venditori ambulanti, i bambini giocano a calcio per strada e Kathmandu mostra la parte migliore si se’. Non poteva esserci  rientro migliore!

Anuman Doka
Swayambunath, Monkey temple

Il ritorno al villaggio e’ stata un’ emozione ancora piu’ grande. Sono mancata sei mesi, solo fisicamente, perche’ il mio cuore ormai vive qui. Scesa dall’autobus i vicini mi hanno fatto la festa e dopo due secondi sono arrivati i bambini da scuola. Baci, abbracci, qualche lacrimuccia e tanta, tanta felicita’. L’affetto che mi dimostrano e’ la fonte di tutte le mie energie! Senza dimenticare mio fratello Giona e i tre fantastici amici (Chiara, Oscar e Tia) che sono venuti ad aiutarci. I lavori da fare sono tanti, in primis finire il nuovo ostello per i bambini ospiti della Bayoca School. Mentre vi scrivo Giona sta parlando con la squadra locale di muratori per istruirli sui lavori e cercando una moto per scendere a Kathmandu ad ordinare i materiali. Chi ci segue da un po’ e chi conosce il Nepal, sa che i tempi da queste parti sono dilatati, a tratti snervanti, ma  noi siamo rodati e sopratutto  positivi e carichi!! Continuate a seguire il blog e la pagina facebook perche’ in questi giorni metteremo tante foto e racconti sull’andamento dei lavori e la nostra vita con i bambini al villaggio.
Un abbraccio speciale agli amici che domenica scorsa hanno partecipato al pranzo di beneficenza ” Aiuta un nepalese, mangia piemontese” organizzato dal nostro braccio destro italiano, Clara. Grazie a tutti.
L’attuale dormitorio
 Con i piu’ grandi si parla di materassi da cambiare, coperte e magari anche un tavolo 🙂
Read Details

Miniera (di amore)

Ciao amici, ecco il post di Giulia nel quale vi racconta la sua esperienza in Nepal. Human Traction cresce grazie anche alle persone come lei che decidono di abbracciare la nostra causa portando il loro aiuto direttamente sul campo. Grazie Giulia! Buona lettura. 
Diamanti

L’aria gelata e invernale che entra dal portellone dell’aereo appena aperto mi taglia le gambe in due, un’aria famigliare, ero arrivata a Londra. Dopo 15 ore di volo rieccomi in occidente. Sensazioni?? Era come se mi mancasse qualcosa, di già?? Ebbene sì.. le emozioni provate fino al giorno prima come serenità, contentezza, amore,(full love!!) erano in un certo senso scomparse, come se qui non le avessi mai provate davvero.. forse sono tornata anche troppo presto. Ho trascorso due mesi in oriente, ad est, dove sorge il sole, ho conosciuto e vissuto un’altra cultura, visto nuovi territori, e scoperto quanto questo Paese sia pieno di risorse, paesaggi meravigliosi e di gente semplice: il popolo asiatico, che come lo definisce Terziani, (grande compagno di viaggio) “è un po’ stupido e fannullone ma formato da persone di cuore, quel cuore che la nostra società sembra abbia perso”. 
Dopo un mese di esplorazione tra trekking sull’ Himalaya e tramonti dorati sul lago di Pokhara, sono arrivata al villaggio di Alaapot. Tutti i posti sono miniera, ma questo villaggino è stato la miniera più ricca che avessi mai raggiunto. I diamanti che ho trovato erano piccoli, intelligentissimi e curiosissimi bambini nepalesi che hanno colorato le mie giornate. Bisognosi d’amore ma allo stesso tempo capaci di riempirtici il cuore, tanto che la sera, quando la giornata finiva e ci si dava la buona notte, sentivo nel mio petto come un’esplosione, una sensazione di pienezza, che mi faceva sorridere e mi rendeva felice. Il sorriso era sempre presente anche sui loro volti, una delle cose che mi ha stupito: felici con niente, o per lo meno con molto poco. Bambini capaci di ascoltare chi parla, pronti ad arricchirsi e migliorarsi sempre, e allo stesso modo piccoli pozzi di conoscenza della loro cultura, così diversa e lontana dalla nostra.È stato un mese fantastico nella naturale miniera di Alaapot, dove la semplicità era la cosa più soffisticata che potevi trovare, e la natura, in stretto contatto con l’uomo, e un grande rispetto per le sue opere. Come può un bambino crescere sano nel mezzo di una città senza sentire accanto al ritmo della proprio vita, quella della vita degli animali e delle piante?? Mai come nel nostro tempo e nella nostra società, l’uomo si è allontanato dalla natura, e questo è stato forse il più grande dei nostri errori. Un grande abisso tra la mia infanzia e la loro, ma chi è più fortunato?? Sono stata forse io la più fortunata a crescere con tutte le più moderne tecnologie?? Mmmm…  Come si dice??  “ A buon intenditore poche parole….”
Il tempo nel villaggio è volato, mai controllato, come se non avesse avuto più importanza e in pochissimo ho dovuto salutare quei piccoli angeli. Avrei voluto portarli tutti con me, ma dovevo accontentarmi di portare con me il ricordo dei loro bei sorrisi. Tornerò, non li abbandono, ma sono tranquilla perché so che non saranno soli, Mia li raggiungerà di nuovo, a breve ripartiranno i progetti per finire i lavori del tetto del dormitorio dei ragazzi. Grazie, Grazie, Grazie Mia!!! Grazie Human Traction che mi hanno dato la possibilità di dare una mano. Il mio compito era tenere compagnia ai ragazzi, ero diventata come una big sister, e la mattina andavo a scuola come “insegnate”. Ci sono 10 classi, ma gli insegnanti non sono sempre abbastanza, così io entravo nella classe vuota e tra una chiaccherata in inglese, una lezione di geografia ed una canzone, volavano le mattinate. Il pomeriggio i ragazzi ospiti della scuola venivano a casa, o meglio al castello di Human Traction a giocare, disegnare, guardare film. La sera quando loro tornavano a scuola per il dalbhat (la cena), io a lume di candela, sempre in compagnia del grande Terzani, me ne andavo a dormire con il petto che mi esplodeva di gioia. Il sabato è la nostra domenica per loro, quindi non c’era scuola, e allora una volta al tempio, una volta la passeggiata al fiume, una volta il pigiama party si passano anche quelle giornate insieme..
Scrivere mi fa venire sempre più malinconia, e risalire quella sensazione di mancanza che provavo ancora prima di scendere dall’aereo. È stata una magia, finita davvero troppo presto, ancora un grazie speciale a Mia, non solo per avermi dato l’opportunità di fare questa bellissima esperienza, ma Grazie soprattutto per il lavoro e le energie dedicate costantemente a questi piccoli diamanti.
Giulia T.
Uno dei tanti ponti che si attraversano nei trekking nepalesi

Read Details

Everything will be alright in the end… if it’s not alright then it’s not yet the end.

Alla fine andrà tutto bene, se non va bene non è ancora la fine.
Questa, secondo me,  è la frase piu bella di Marigold Hotel, tenerissimo film che tra shock culturali, emotivi ed alimentari, narra le avventure di un gruppetto di pensionati inglesi che si trasferisce in India. È la frase che mi ripeto spesso in questo periodo.
La fine della costruzione del tetto per il nuovo ostello è stata rimandata a primavera. Mi è dispiaciuto tanto, cosi tanto da non riuscirne a scrivere. So che dovrei aggiornare il blog anche quando le notizie sono spiacevoli ma, detto tra noi, a chi piace dar brutte notizie­­? Quante volte per la frustrazione ho lasciato la pagina in bianco, rimandando a quando avrei trovato le parole giuste. Lo so è una stupida giustificazione e le parole giuste infondo sono la verità. Ovvero che nonostante il supporto ed il calore di tanti amici, la parte operativa sul campo di Human Traction è,  per ora, limitata a poche persone. Saremmo voluti tornare in Nepal a Novembre ma disguidi personali di varia natura hanno fatto slittare la partenza ai primi di Marzo. Io, per esempio, sono tornata in Italia dopo un anno e mezzo di volontariato con il cuore pieno e le tasche vuote. Dato che sono choosy, sono emigrata in Inghilterra per qualche mese di lavoro che mi darà la possibilità di finanziare il mio ritorno in Nepal. Anche i miei compagni di avventura si stanno preparando e tra poco saremo tutti pronti a partire per donare la casa che meritano ai nostri piccoli amici.                            
Nel frattempo non ci siamo fermati e qui vogliamo ringraziare la Cascina Codemonte di Novara che ha organizzato una cena di beneficenza a nostro favore. 
Un abbraccio a Giuia T. che ha trascorso un mese con i nostri ragazzi ad Alapot e sta preparando un post per raccontarvi la sua esperienza. Personalmente, ringrazio immensamente Skype che mi da la possibilità di parlare con i ragazzi tenendo vivo il nostro rapporto in questi mesi di distanza forzata. Le nostre chiamate sono rapide e girano sempre intorno alla stessa domanda: “quando torni? Ci manchi tanto” e alla stessa risposta: “torno a marzo, anche voi mi mancate tanto”. La prima volta che li ho sentiti per telefono è stata un’emozione forte e ho pianto tanto, la seconda meno, ora non mi commuovo (quasi) più e l’amore che mi trasmettono mi rallegra in questi mesi di piovoso lavoro inglese che ci separano.
Un abbraccio a tutti amici, con l’augurio che il 2013 sia per tutti l’inizio di una radiosa era.
Mia
Giulia T. con i ragazzi

Read Details

Rientro

Ciao,
sono tornata in Italia da una ventina di giorni con una valigia di emozioni e riflessioni.
La prima cosa che mi ha colpita è stata l’aria, prima quella fredda e sterile dell’ aereoporto, poi il caldo secco del sole di Roma e quello d’ Abruzzo. Profumo di estate italiana, da una parte tanto familiare, dall’altra alieno, delicato…niente mix di spezie, PM10 e immondizia.
Le persone guidano tenendo tutte lo stesso lato della strada senza suonare il claxson, le cose costano quello che costano e non c’è contrattazione, se fai una domanda tendenzialmente la gente risponde in tempo reale, c’è la raccolta differenziata e l’acqua calda…è calda, ma a casa mia in campagna spesso non c’è neanche quella fredda. L’estate di siccità ha asciugato il pozzo così ci si fa la doccia a giorni alterni. In provincia di Pescara alcuni paesi sono rimasti giorni senza acqua per guasti alla rete e siccità.
Sedicenti politici indisturbati si mangiano il Paese tra scandali e bla bla. La gente si lamenta e a due euro per un litro di benzina, rallenta, alcuni mettono i sogni in letargo, altri resistono, altri emigrano alla ricerca qualcosa che in patria si fatica a trovare: la speranza. La speranza che domani possa essere migliore. Leggendo nel mio cuore e sui giornali, i confini tra Nepal e Italia si mischiano e mi confondono.
Quel che rimane salda è la speranza di far crescere Human Traction per continuare ad aiutare i bambini della Bayoca School. Il calore delle loro risate e il vostro supporto ci aiuteranno a terminare il tetto dell’ ostello a ottobre e a migliorare l’offerta formativa della scuola nel tempo. A tal proposito in autunno gireremo alcune scuole medie inferiori e superiori per sensibilizzare i ragazzi offrendo nuovi spunti di riflessione e costruire nuovi legami con il Nepal.
Continuate a seguirci per gli aggiornamenti.
Grazie e un abbraccio a tutti.
Read Details

Sfidando la pioggia ed il tempaccio ecco a voi il video della gita al fiume con i ragazzi:
http://www.youtube.com/watch?v=MvheIobye2g&feature=youtu.be
Namastè

Read Details